Ho visto le insegnanti felici

18 Apr

Ho visto due insegnanti felici. Sono due prof di scuola media dietro le sbarre. Insegnano nel carcere di San Vittore, a Milano. Hanno scelto di farlo, e te lo raccontano con gli occhi che ridono.

Le ho incrociate ieri sera in piazza Filangieri, dopo la proiezione – dedicata ai detenuti- del film Cesare deve morire, di cui vi racconterò su “A”.
Mi hanno colpito, le due prof. La scuola pubblica va a rotoli, gli insegnanti sono poco stimati e malpagati. E loro erano felici di impegnarsi, nonostante. “Siamo della media Cavalieri, lì dietro, distaccate a San Vittore. C’è un gran lavoro da compiere, soprattutto di alfabetizzazione. Qualche volta riusciamo a proiettare anche un film, sulla lavagna dell’aula”.

Fra poco, una di loro andrà in pensione “ma penso di tornare dentro, come volontaria”. Il da farsi non manca.


Mi hanno colpito le due signore. Com’è distante anni luce il tunnel tra Ginevra e il Gran Sasso della Gelmini. Ma anche i sensati proclami 2.0 del ministro Profumo. Là, il governo dei tecnici,  che mi pare sempre più distante dalla vita reale. Qui, la vita bassa di chi si appassiona al compito più grande: dare strumenti  per scegliere se diventare uomini o donne migliori.

Cristina Bianchi

E voi conoscete insegnanti felici?

Lascia il tuo commento (la mail non verrà pubblicata)

Annunci

3 Risposte to “Ho visto le insegnanti felici”

  1. Alice aprile 19, 2012 a 4:12 pm #

    Conosco molte insegnanti felici di fare l’insegnante, come me. Malgrado la fatica non riconosciuta, la bassissima considerazione sociale, lo stipendio inadeguato, la burocrazia macchinosa, insegnare è entusiasmante perchè i ragazzi sono persone vive e la cultura è un tesoro inesauribile da conoscere e condividere.
    A scuola i ragazzi non imparano solo i contenuti delle materie, imparano a conoscere se stessi e noi li accompagnamo in queste scoperte.

    • cristinbianchi aprile 19, 2012 a 4:27 pm #

      Grazie per la testimonianza. Mi piacerebbe raccogliere anche altre esperienze positive, appunto. Non si parla mai abbastanza dell’importanza della scuola e della bellezza di questo lavoro, per chi lo fa con passione 🙂

  2. George aprile 19, 2012 a 8:49 am #

    Conosco un’insegnante felice del lavoro che fa, ma infelice delle condizioni in cui è costretto a farlo.
    Conosco un maestro felice del lavoro che fa, perché i bambini sono gli adulti del futuro e lui è convinto che insegnare ai bambini sia importante per far crescere adulti migliori. Nella sua scuola, ovviamente, preside e colleghi cercano di renderlo infelice, ma lui resiste.

Lascia un Commento (il tuo indirizzo mail resta privato)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: