Archivio | cinema RSS feed for this section

Sono tornato è una commedia amara da non perdere

6 Feb

Si può ridere a crepapelle di Mussolini? Si può. Anche oggi, in Italia e alla vigilia delle elezioni. Lo dimostra il film Sono tornato diretto da Luca Miniero e scritto con Nicola Guaglianone (quello di Jeeg Robot e della serie Suburra).

Benito Mussolini (Massimo Popolizio) “resuscita” a piazza Vittorio nel 2017. Per capire che cosa è successo dopo la sua morte, il duce legge i quotidiani di centro-sinistra, si fa un giro sui mensili di storia, sfoglia Left e apprende che la nazione è di nuovo allo sfascio, ha bisogno di un capo. Anzi, del Capo, cioè lui. L’incontro con l’aspirante regista Canaletti (Frank Matano) lo trasformerà in una star della tv, un campione di share.

Alcune clip dal film

Il finale in stile Caimano fa pensare. Da non perdere.

Cristina Bianchi

Annunci

Il film di Guadagnino, parliamone?

27 Gen

Ho appena visto Chiamami col tuo nome, il film di Guadagnino candidato a 4 Oscar.

Mi è piaciuto molto. E a voi? Fatemi sapere. Nei prossimi giorni ne discutiamo su questo Blog

Cristina Bianchi

IL RAGAZZO INVISIBILE SECONDA GENERAZIONE

4 Lug

Torna l’attesissimo sequel de Il ragazzo Invisibile, il film di Gabriele Salvatores che ha stregato adolescenti e genitori, non solo italiani. Girato in gran parte a Trieste, racconta come continua la vita di Michele Silenzi, che a sedici anni deve fare i conti con due sfide: tornare a essere normale dopo aver scoperto di avere poteri speciali, e  scoprire che la  ragazza dei suoi sogni ama un altro. Non solo; il rapporto con gli adulti è sempre più difficile… Non sveliamo di più per non spoilerare sorprese. Invece per voi  ecco il Teaser trailer in anteprima  
Nel cast, Ludovico Girardello, Ksenia Rappoport, Galatea Bellugi, Ivan Franek, Noa Zatta e  Valeria Golino.IRI_2_teaser_poster_X_REFERENCE_ONLY_coming_soon.jpg

Sono nati i gemellini Clooney, si chiamano Ella e Alexander (e stanno tutti bene)

6 Giu

Sono nati questa mattina, 6 giugno, i gemellini di George Clooney e la moglie Amal Alamuddin. Si chiamano Ella ed Alexander, ha fatto sapere il loro portavoce Stan Rosenfield: «Oggi Amal e George hanno accolto Ella e Alexander Clooney nella loro vita. I neonati sono sani, felici e tutto procede bene».
E il neo papà? «George è sotto sedativi, ma si riprenderà presto», fa sapere l’attore con ironia.

Amal Alamuddin e George Clooney sposi a Venezia

Nella loro casa di Sonning, in Inghilterra, da giorni era stata allestita una nursery con tutto il necessario per i due piccolini. Nei giorni scorsi George Clooney aveva rinunciato a partecipare agli “Aurora Prize for Awakening Humanity”  in Armenia, per stare accanto alla moglie. Secondo indiscrezioni degli ultimi giorni, Amal avrebbe partorito in una suite dell’ala privata “Kensington” del Chelsea and Westminster Hospital di Londra. 

 

Paolo Sorrentino in giuria al Festival di Cannes

25 Apr

C’è un altro asso da novanta tutto italiano a Cannes dopo la madrina Monica Bellucci. È il regista Paolo Sorrentino, in giuria 

Ecco chi sono gli altri giurati

Pedro Almodovar, presidente della giuria 🇪🇸 

Maren Ade, Regista e produttrice Germania 🇩🇪 

Jessica Chastain,Attrice e produttrice , 🇺🇸 

Fan Bingbing , 🇨🇳 , attrice 

Agnes Jaoqui , Attrice e regista, 🇫🇷 

Park Chan-wook, Regista e produttrore, Corea del Sud 

Will Smith Attore e regista 🇺🇸 

Gabriel Yared, compositore, 🇫🇷  

Cinque buoni motivi per andare a vedere “La tenerezza” di Amelio al cinema 

21 Apr

Micaela Ramazzotti alla prima del film a Roma


Uscirà lunedì in 200 sale italiane l’ultimo film di Gianni Amelio con Micaela Ramazzotti, Elio Germano, Greta Scacchi e Renato Carpentieri. Ecco cinque motivi per non perderlo

1) Perché è una storia di famiglie ferite, dove i rapporti tra il padre e i figli ormai grandi sono interrotti da tempo.  Ma la figlia un tempo adorata (Giovanna Mezzogiorno) sotto la dura scorza di traduttrice ferrea in tribunale, rincorre questo padre ruvido in ogni modo. “Come fai a perdonarlo?”. “Perché un padre è un padre ” risponde lei al fratello fricchettone.

2) Perché Micaela Ramazzotti è di nuovo al meglio nel ruolo di Michela, la vicina di casa del vecchio. Nel film ha un marito (Elio Germano) pieno di angosce profonde, ma sa offrire alla cinepresa e alla vita un sorriso vero, sempre pronto ad accogliere.

3) Perché tocca temi universali e potrebbe aspirare a premi internazionali 

4) Perché chi di noi non ha ferite alle spalle? E anche se il film è drammatico, non perdetevi l’ultima inquadratura finale.

5) Perché è girato in una Napoli vista con gli occhi degli “stranieri”  (protagonisti che  vengono da Ostia, da Trieste, e una magnifica Greta Scacchi, su cui torneremo). Certo, Napoli l’abbiamo appena vista molto in TV nei Bastardi di Pizzofalcone. Ma qui lo sguardo è molto diverso. 

Fatemi sapere presto il vostro parere. Parliamone. Seguiranno aggiornamenti!

Intervista esclusiva a Clotilde Coureau, grande attrice, principessa ribelle

15 Apr

    Questa settimana su OGGI in edicola potete trovare l’unica intervista concessa da Clotilde Coureau a un settimanale, in occasione delle giornate dedicate al nuovo cinema francese a Roma. È la seconda volta che la incontro ed è una delle persone più interessanti e intelligenti dello star system. 

    È stato un piacere rivederla. E scoprire le sue opinioni sul cinema, su Marine Le Pen e molto sulla sua vita. “Sono fuggita di casa a 17 anni, anche per il divorzio dei miei genitori. La mia passione era recitare. E ringrazio mia madre che non mi ha fermata. Mi ha detto: vai, ma dovrai manterti da sola”. Per una discente di nobili (Coureau, oggi moglie di Emanuele di Savoia era di famiglia di baroni francesi) una bella lezione.

    Buona lettura!

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: