Archivio | maternità RSS feed for this section

Sono nati i gemellini Clooney, si chiamano Ella e Alexander (e stanno tutti bene)

6 Giu

Sono nati questa mattina, 6 giugno, i gemellini di George Clooney e la moglie Amal Alamuddin. Si chiamano Ella ed Alexander, ha fatto sapere il loro portavoce Stan Rosenfield: «Oggi Amal e George hanno accolto Ella e Alexander Clooney nella loro vita. I neonati sono sani, felici e tutto procede bene».
E il neo papà? «George è sotto sedativi, ma si riprenderà presto», fa sapere l’attore con ironia.

Amal Alamuddin e George Clooney sposi a Venezia

Nella loro casa di Sonning, in Inghilterra, da giorni era stata allestita una nursery con tutto il necessario per i due piccolini. Nei giorni scorsi George Clooney aveva rinunciato a partecipare agli “Aurora Prize for Awakening Humanity”  in Armenia, per stare accanto alla moglie. Secondo indiscrezioni degli ultimi giorni, Amal avrebbe partorito in una suite dell’ala privata “Kensington” del Chelsea and Westminster Hospital di Londra. 

 

Scusi, ha visto un ladro di rossetti?

11 Set

E poi arriva il giorno in cui non hai più smalti per le unghie, ti spariscono gli eye-liner, ti scompaiono gli ombretti. Non trovi nemmeno i fermagli per capelli.
I tuoi sandali eleganti, che centellini per non abusare dei piedi di quarantenne, mostrano il tacco già  segnato. «Sì mamma, li metto in casa con le amiche, giochiamo alle signore. Vero che me li presti?».

Una scena dal film “Little Miss Sunshine”

Una scena dal film “Little Miss Sunshine”


Volevo una figlia femmina. Eccone due, preadolescenti. Volevo la bicicletta, e pedalo, zigzagando tra i video di Clio Make Up, la reginetta del trucco youtube, e le vetrine di Abercrombie. Sono una fashionista riluttante e con scarso entusiasmo accompagno le ragazze (13 e 11 anni) a fare shopping, in qualità di madre bancomat. E annaspo per casa alla ricerca del beauty perduto. 

«Mamma ti vesti da schifo, sei antica», dicevano sempre, e dicono ancora. Che fortuna…, ho pensato. Poi hanno cominciato a trafugare anche dalla cabina armadio: piccoli coprispalle, quelle t-shirt troppo strette che a me fanno tanto Paolina Borghese e a loro arrivano alle ginocchia, e portafogli, e pochette. Dal bagno continua il saccheggio: rossetti, ombretti, mascara. Finisce che non trovo mai la spazzola giusta, la crema rigenerante, il balsamo per capelli. Se devo uscire di corsa, scompare la matita viola per gli occhi. Facile no?, penserete. Basta triplicare tutto: pettini, spazzole, balsami, shampi, kajal. Purtroppo no. Vengono inghiottiti nell’antimateria, nel buco nero della vanità femminile taglia XS.

Prove d'ombretto con autoscatto. E l'iPhone diventa il tuo specchio

Prove d’ombretto con autoscatto. E l’iPhone diventa il tuo specchio

 Eppure sono un tipo spartano, io: alla mattina trucco in 120 secondi, perché a scuola con l’undicenne si va spesso insieme, a piedi o col tram («Mami, sei sempre in ritardo, corri che  poi mi devi firmare la giustifica!»).

Le mie figlie e le loro amiche, semplicemente, seguono il trend. A noi sembrava un po’ truzzo andare alle feste con sei chili di Rimmel? Oggi è sacrosanto frequentare gli scout e oratori con reggipetto in vista e canotta col pizzo.
A Milano, i negozi di lingerie per giovanissime sono presi d’assalto. Gli scaffali dei prodotti di bellezza, di più. Secondo gli ultimi dati del centro Studi di Cosmetica Italia, il mercato interno del settore è in leggera flessione (-2,4%), tiene bene l’export; ma le italiane non rinunciano, non riducono i pezzi acquistati. Sono solo più risparmiose.

 «E le aziende sono molto attente alle teenager, come prime clienti e future big spender», spiega Gian Andrea Positano del Centro Studi e Cultura d’Impresa di Cosmetica Italia. «I nostri prodotti sono da sempre i più sicuri». Quello delle giovani e giovanissime è un target  appetibile: «Dai 13 ai 18 anni il mercato pesa intorno al 3-4% del fatturato. Circa 200-250 milioni di euro l’anno».

 Volevo una figlia femmina, eccone due. Future big spender. Ma ogni tanto, quando vedo il mio nipotino maschio di due anni – una furia – sogno di giocare a rugby, tirare due calci al pallone, tornare a rotolarmi nel fango. O no?

Cristina Bianchi

E voi? Figlie o figli “adultescenti” vi hanno mai rubato il beauty, il profumo, la polo da fighetto? Scrivete sotto nello spazio commenti, basta registrare la propria mail (che non sarà pubblicata).

Le francesi, la Nutella (e il tasso di fecondità)

13 Ago

“Come sono giovani, come sono chic… come sono fertili le donne francesi”. Durante una recente vacanza in Provenza, tra fiumi meravigliosi e lungo le spiagge libere a sud, ci pensavo spesso.

Le mamme francesi arrivavano con ombrellino parasole, telo mare, piccola borsa frigo. C’è chi si portava la madre (o la suocera), nonna sportiva in pareo, chi scendeva con marito, sorelle, cognati, nipoti, insomma, una grande tribù.Image

Forse non è vero che noi italiane abbiamo più senso della famiglia. Certo, ho scelto d’istinto tappe e località fuori mano, più per sportivi che per signore bon-chic. E non dico che le francesi non avessero le loro grane. Le ho sentite perdere le staffe, sgridare bambinetti piuttosto innocenti – perché se porti un moccioso in spiaggia, non puoi pretendere che non si rotoli nella sabbia, o non resti tra le onde più del dovuto. Ma le francesi isteriche sono un’eccezione.

Una famiglia di ciclisti lungo il fiume Verdon

Una famiglia di ciclisti lungo il fiume Verdon

Più consuete, invece, le famiglie numerose: due, tre, quattro figli. Secondo l’Ined, Istituto nazionale di studi demografici, nel 2012 in Francia sono nati 792mila bambini e il tasso di fecondità medio resta stabile a due figli per donna, uno dei massimi in Europa.
In Italia, per l’Istat, la natalità è di nuovo in calo dal 2009: nel 2011 (ultimi dati disponibili) il tasso di è sceso a 1,39 figli per donna. Colpa sicuramente della crisi: lo conferma uno studio europeo dell’’Istituto tedesco Max Planck per la ricerca demografica.

Eppure la crisi morde anche in Francia, fa traballare il governo Hollande. Al di là dei soliti discorsi sul Welfare, che Oltralpe funziona ancora, mi pare che le ragioni non siano solo quelle dei numeri.

Ci vuole una certa “sana avventatezza” a fare figli presto, “a fare coppia presto”, a “scommettere sul futuro”. Dev’essere lo stesso entusiasmo che porta le francesi a imbarcarsi tra le dune selvagge con sorelle, nipoti, suocere e cognati, attrezzate con carico leggero, prosciutto in busta e pan carré. Tanto, lo sanno: prima o poi lungo la Côte passa il carrellino con una bella ragazza che, nonostante i 40 gradi, ti seduce con un fragrante beigné. E ci spalma sopra mezzo chilo di italianissima Nutella.

Tra i 40 e i 50 anni, la nostra We-We-Me generation

24 Mag

Time ha dedicato la sua copertina alla Me Me Me Generation, trentenni cresciuti nel boom anni 80, narcisi e un po’ viziati, che oggi fanno i conti con una recessione arrivata senza preavviso (soggettivamente parlando). 
Ma vogliamo parlare anche di noi? Donne, tra i 40 e i 50, che giocavamo alla Barbie, saltavamo all’elastico con le Tepa Sport, e non avremmo mai indossato un Moncler perché era da paninari

Installazione Samsung al Tortona fuori salone, 2013

Installazione Samsung al Tortona fuori salone, 2013

Abbiamo studiato, agguantato un lavoro, messo al mondo bambini. O anche no.
Io  ho due figlie. Ora che sono più grandi respiro, ritrovo un po’ d’energia, vorrei fare meglio e continuare a scoprire il mondo. Invece, come molte altre, rischio di perdere  il lavoro. 
Ma c’è anche il bello della nostra generazione, che ha respirato  gli anni 70: il non rassegnarsi a una dimensione individuale dell’esistenza. Non c’è solo il Me-Me-Me.IMG_4755

C’è anche il We, il Noi. È non è semplicemente una questione di famiglia o di maternità. C’è la dimensione comune che nessun teleworking potrà sostituire. Le discussioni, gli scazzi tra colleghi. Il bookcrossing tra amici che esiste da secoli, prima di diventare moda.

Non mi rassegno a tornare mamma full-time. Né a pensare di cambiare il mondo da sola.

 

E voi? Che ne pensate? Lasciate sotto il vostro commento

Grazie Angelina, comunque

15 Mag

È una delle donne più belle del mondo. Con la scelta di farsi asportare i seni, per prevenire un possibile tumore ereditario, anche questa volta stupisce Angelina Jolie. Esagerata? Eccessiva, come sempre?
Io di questa notizia voglio prendermi il meglio. Una conferma anche per tutte le altre: quelle che non hanno i soldi della Jolie; quelle che la mastectomia non la scelgono ma la subiscono, perché il nemico è lì, è già nel corpo. Restano belle donne. Affascinanti. Sensuali. Combattive. E non devono scoraggiarsi, anche se al loro fianco non c’è un signor Jolie-Pitt.

jolie1

Che ne pensate?

Cristina Bianchi

La community del bus 50

14 Mag

“Speriamo molto nel ministro nero”. Me lo confida così, con parole semplici, B., filippina che incontro sulla 50 che va da Lorenteggio a Cairoli. Vive e lavora da 16 anni a Milano. Sua figlia va a scuola con la mia. La bambina ha 11 anni, non la cittadinanza italiana. “Ma io sono contenta ho il permesso permanente. Tutto in regola, possiamo tornare in Pilippine a vedere i parenti”.
Sul bus stracolmo sale una vecchietta italiana sugli 85 anni, ricurva, con due golf di lana. Tre signore latinoamericane si adoperano per farle spazio. “Scusi, può alzarsi?” chiedono a una ragazza con le cuffiette che non le sente, seduta nel posto riservato agli invalidi (dove spesso mi accascio anch’io quando la 50 è più vuota). Sbuffi generali. Fa caldo. Sulla 50 c’è uno studente nero, molti nordafricani, tanti liceali e universitari della Cattolica. Un manager dagli occhi orientali sta in piedi, composto. “Speriamo molto nel ministro nero”.

20130514-102009.jpg

Anna, che avrà 20 anni nel 2033

15 Apr

Anna

foto

istallazione al fuori salone 2013, Milano

Anna è una bimba nata il 7 aprile che mi è molto cara. Avrà vent’anni nel 2033. È nata a Milano e le sue opportunità sono diverse da chi nasce oggi in Africa o in India. Non necessariamente migliori.
In italia l’Istat ha contato circa 200 mila senza lavoro tra i laureati sotto i 35 anni e la mobilità sociale si è ridotta.
Però non penso che il futuro di Anna sarà per forza peggiore del nostro.
Anna ha una mamma giramondo. Probabilmente farà esperienze di ambienti sociali diversi, imparerà le lingue, imparerà ad adattarsi.

Animazione remote control allo spazio Samsung in via Tortona 27, a Milano @Cristinbianchi

Fra pochi anni consulterà un device sfogliando lo schermo con il gesto di una mano, guidata dai sensori. Chissà che cosa mangerà, come si curerà, che cosa studierà.
Il mondo non si arrende. Le donne non si arrendono. Sapranno costruire un futuro migliore?
E voi, che ne pensate del 2033?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: