Tag Archives: disoccupazione

Nel ‘900 le infermiere restavano zitelle (e le altre leggi non scritte della professione)

24 Giu

“Noi studiamo e lavoriamo, anche il sabato e la domenica. Un bel mestiere, ma se non hai passione non puoi farlo. Devi dedicarti alle persone. E le persone non sono cose” raccontano due  tirocinanti infermieri, durante una pausa pranzo alla San  Giuseppe di Milano. È un ospedale nel cuore della città, a due passi dalla basilica di Sant’Ambrogio.

nurse_jackie locandinaHo trascorso una parte del weekend in pronto soccorso per accompagnare un parente. Capisci ancora una volta quanto contino infermiere e infermieri nella vita quotidiana dei pazienti. Ieri ho visto soprattutto competenza, capacità di ascolto, pazienza. 

Oggi sono più di 400.000 gli infermieri in Italia secondo l’organismo di categoria Ipasvi.
Una professione ancora prevalentemente femminile: 8 su 10 sono donne.a locandina di Addio alle Armi con Rock Hudson e Jennifer Jonesrmi con

L’Italia è anche uno dei pochi paesi sviluppati dove il numero dei medici supera quello degli infermieri. Altrove, è il contrario. “I medici leggono  analisi, stendono rapoorti, coi malati ci stiamo noi” raccontano altri due giovani.
Per i diciottenni che devono scegliere il corso di studi, non è un invito a nozze. La crisi e i tagli sulla sanità si sono abbattuti anche su questo mercato del lavoro, fino a qualche tempo fa in espansione.
Eppure nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Canada c’è ancora grande richiesta. Di fatto, all’estero mancano le persone che vogliono dedicarsi alla professione  che comporta passione e sacrifici,  l’aggiornamento continuo.

Una curiosità: sapevate che nei primi del ‘900 in Italia le infermiere negli ospedali erano assunte se nubili avevano alloggio in ospedale e al matrimonio scattava il licenziamento?

Raccontate qui sotto le vostre storie. Di infermiere/i e di pazienti.

Cristina Bianchi

Annunci

Rischi di perdere il lavoro? Scriviamo insieme la lista delle cose da fare

11 Giu

Una delle passioni del nostro tempo è compilare la “to do list”, la lista dei buoni propositi e delle cose da fare: per il nuovo anno, per l’arrivo di un figlio, per non restare a lungo single, per migliorare la propria posizione…
Americanate? Sì, ma gli anglosassoni sono pragmatici. E a volte i consigli aiutano, magari solo per capire che non fanno per te.
Qui voglio scrivere con voi la lista delle “10 cose da fare se rischi o hai già perso il lavoro”.

La pizzeria occupata a MIlano, prima dello sgombero

La pizzeria occupata a MIlano, prima dello sgombero

Scegliamo 10 punti fissi. Io ve ne suggerisco 5, gli altri pensateli voi!

1) Formatevi: che siate operaia, sarta o manovale della conoscenza, non importa. Il mondo corre in fretta. Iscrivetevi a un corso per apprendere qualcosa di innovativo sul vostro mestiere . Non è gratis? Investite su di voi.
2) Depressione, vade retro. È lì, in agguato. Le donne lo sanno, gli uomini non ne parlano. Non lasciatevi andare, chiedete aiuto in caso di bisogno: un’amica, un medico, un parente. Non state troppo sole.
3) Apritevi al mondo. Vi verrà la tentazione di chiudervi, soprattutto se avete perso le sicurezze. Niente di male a dire: “Cerco lavoro”. Non è una parolaccia.
4) Divertitevi: sì divertitevi.  Ci sono cose che amate fare? Se non ora, quando?
5) Siate generose. Guardatevi intorno. Molti potrebbero aver bisogno della vostra esperienza.  Ma non fatevi sfruttare da chi non lo merita. La vostra competenza ha un valore, e un prezzo.

E ora? Aggiungete i vostri 5 punti! (sotto i pulsanti di Twitter e Fb c’è spazio per i commenti)

Cristina Bianchi

Anna, che avrà 20 anni nel 2033

15 Apr

Anna

foto

istallazione al fuori salone 2013, Milano

Anna è una bimba nata il 7 aprile che mi è molto cara. Avrà vent’anni nel 2033. È nata a Milano e le sue opportunità sono diverse da chi nasce oggi in Africa o in India. Non necessariamente migliori.
In italia l’Istat ha contato circa 200 mila senza lavoro tra i laureati sotto i 35 anni e la mobilità sociale si è ridotta.
Però non penso che il futuro di Anna sarà per forza peggiore del nostro.
Anna ha una mamma giramondo. Probabilmente farà esperienze di ambienti sociali diversi, imparerà le lingue, imparerà ad adattarsi.

Animazione remote control allo spazio Samsung in via Tortona 27, a Milano @Cristinbianchi

Fra pochi anni consulterà un device sfogliando lo schermo con il gesto di una mano, guidata dai sensori. Chissà che cosa mangerà, come si curerà, che cosa studierà.
Il mondo non si arrende. Le donne non si arrendono. Sapranno costruire un futuro migliore?
E voi, che ne pensate del 2033?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: