Tag Archives: uomini e donne

Mamme lavoro e post-maternità 

30 Apr

Particolare di “Maternità” di Matteo Curcio

Oggi vorrei condividere con voi questo interessante articolo di Rita Querzé pubblicato su La 27esima Ora

Ecco tutto i motivi per cui dopo la maternità le donne guadagnano meno.

La 27esima ora

Annunci

Cromwell, lo spin doctor che manca a Hollande

23 Gen

“Il corpo del re è senza confini, fluido come il suo regno”.Libro Mantel Mentre leggo l’ennesimo romanzo avvincente di Hilary Mantel, Anna Bolena- una questione di famiglia, che narra la vita del re attraverso gli occhi del suo consigliere di umili origini Thomas Cromwell, non posso non sorridere.

Com’è attuale questo Enrico VIII e il suo corpo imponente di capo. Come sono attuali gli intrighi di corte.

L'armatura di Enrico VIII conservata alla Torre di Londra

L’armatura di Enrico VIII conservata alla Torre di Londra

Le molte donne, prese e lasciate. Tradite. Fecondate, mai abbastanza. Mogli morte di consunzione e dolore perché lui ha volto lo sguardo, e il suo regno, altrove. Come Caterina D’Aragona. Tanto desiderate quanto poi eliminate, zac, con un colpo secco, come Anna Bolena.
E le figlie future regine i figli bastardi le infinite amanti. Di questi tempi non si può fare a meno di pensare che tra l’Inghilterra e la Douce France c’è soltanto un braccio di mare.Closer
Il Monsieur attuale all’Eliseo, di Enrico VIII non ha l’imponenza né l’impertinenza.
Thomas Cromwell, nel ritratto di Holbein il giovane

Thomas Cromwell, nel ritratto di Holbein il giovane

Ma forse quel che gli manca davvero è altro: uno spin doctor come Thomas Cromwell?

La Grande Bellezza è come un uomo che si sente molto figo

21 Mag

La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino è come un uomo che si sente molto figo e sa di esserlo. Un film che squaderna tutto il fascino e lo strazio di Roma godona, più Dago&Pizzi che Fellini, più dolce coca che dolce vita. 

Tony Servillo nel film La Grande Bellezza

Tony Servillo nel film La Grande Bellezza

Jep Gambardella-Servillo è un giornalista pigro, ex scrittore, re della mondanità. A 65 anni fa i conti con la vita e soprattutto con il senso di morte che il chiacchiericcio delle feste kitsch, del rimmel colato su volti, delle piume e paillettes su corpi vissuti non riesce a nascondere. 

Quando Jep va a letto con la milanese Isabella Ferrari non trova soddisfazione. “A 65 anni un uomo chiede qualcosa di più che una donna sia bella”. Lei vuole mostrargli sul Mac gli autoscatti che ha fatto, nuda, per postarli su Facebook. Lui fugge nella notte in piazza Navona. Quando invece  Ramona-Sabrina Ferilli si accomoda nel suo letto, Jep è quasi felice. La spogliarellista semplifica: “È bello volersi bene”. 

Sabrina Ferilli nel film

Sabrina Ferilli nel film

Ma non c’è redenzione per questa città, simbolo dell’Italia tutta, se non nel futuro di un vecchio che torna all’isola che non c’è del passato. E non c’è sindrome di Stendhal che affondi e risollevi i suoi protagonisti cinici e disperati, a meno di recuperare quel poco di amicizia che resta in un piatto di minestrone. 

Nella Roma dove non sai se fa più orrore il Cardinale Magister-Chef, o la Santa Sdentata che succhia radici, la Grande Bellezza non salva un mondo che non cerca salvezza.

Cristina Bianchi
Sotto i pulsanti di Twitter e Fb lasciate un vostro commento sul film 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: