Archive | infelicità RSS feed for this section

Esce A testa alta, film su un’adolescenza difficile

20 Nov

Il film A testa Alta, diretto dalla regista francese Emmanuelle Bercot, è appena uscito nelle sale, in concomitanza con la  Giornata mondiale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. A testa alta racconta la storia di Malony (Rod Paradot), un ragazzo a dir poco difficile, con una mamma inadeguata, che entra ed esce dai tribunali. Florence (Catherine Deneuve), è una giudice minorile vicina alla pensione. Yann, un educatore che ha alle spalle un’infanzia tormentata. I due  tentano di aiutare il ragazzo come possono. Ma solo quando incontra l’amore, Malony capirà che è possibile ricominciare.

 

La regista parigina Emanuelle Bercot, ottima attrice, non è i plurilodati fratelli Dardenne. Ma forse ci voleva anche uno sguardo femminile per esplorare con crudezza ma non senza speranza la storia di un adolescente. Un film che susciterà discussioni in famiglia. E che vi scaverà dentro.

Da Roma a Lampedusa, quando sei nato non puoi più nasconderti

2 Lug

Siamo tutti un po’ migranti. O lo siamo stati. O lo sono stati  i nostri nonni. Forse lo saranno i nostri figli.
Lunedì 8 luglio papa Francesco visiterà l’isola di Lampedusa, “in forma privata”. Un gesto, un altro segno di rottura del vescovo di Roma.

Francesco Bergoglio

Francesco Bergoglio


Lui stesso è figlio di emigranti. Papà Mario era un funzionario delle ferrovie,  salpò nel 1928 da Genova per Buenos Aires.  Lunedì suo figlio andrà a pregare per gli emigranti: i vivi, i senza diritti, quelli che in mare hanno perso la vita.

Qualche anno fa ho assistito a uno sbarco di africani. Ero nella lunghissima spiaggia oltre Punta Secca, in provincia di Ragusa, quella vicino alla “casa” di Montalbano in tv. 

sicilia2011 169

Arrivarono alle tre del pomeriggio con un barcone, in una quarantina. Indossavano tutti un giubbotto e un cappellino blu.
Da lontano, potevi scambiarli per  turisti. Erano molto giovani. Calmi. Sfiniti
Scesero uno a uno, senza fretta,  tanto che all’inizio non ero neppure sicura che fosse un vero sbarco. 

Dissero “Bonjour”, e rapidamente corsero su per le dune, gli orti, le  serre di pomodori, gli sterrati. Poi chissà.

IMG_4204

La riserva di Vendicari, in Sicilia

Chissà dove è finito il loro viaggio. Per molti il percorso è noto e l’ha raccontato molto bene Fabrizio Gatti nei suoi reportage sull’Espresso

Come cambierà la nostra vita migrante e la loro, dipende anche da noi.

Cristina Bianchi

Tra i 40 e i 50 anni, la nostra We-We-Me generation

24 Mag

Time ha dedicato la sua copertina alla Me Me Me Generation, trentenni cresciuti nel boom anni 80, narcisi e un po’ viziati, che oggi fanno i conti con una recessione arrivata senza preavviso (soggettivamente parlando). 
Ma vogliamo parlare anche di noi? Donne, tra i 40 e i 50, che giocavamo alla Barbie, saltavamo all’elastico con le Tepa Sport, e non avremmo mai indossato un Moncler perché era da paninari

Installazione Samsung al Tortona fuori salone, 2013

Installazione Samsung al Tortona fuori salone, 2013

Abbiamo studiato, agguantato un lavoro, messo al mondo bambini. O anche no.
Io  ho due figlie. Ora che sono più grandi respiro, ritrovo un po’ d’energia, vorrei fare meglio e continuare a scoprire il mondo. Invece, come molte altre, rischio di perdere  il lavoro. 
Ma c’è anche il bello della nostra generazione, che ha respirato  gli anni 70: il non rassegnarsi a una dimensione individuale dell’esistenza. Non c’è solo il Me-Me-Me.IMG_4755

C’è anche il We, il Noi. È non è semplicemente una questione di famiglia o di maternità. C’è la dimensione comune che nessun teleworking potrà sostituire. Le discussioni, gli scazzi tra colleghi. Il bookcrossing tra amici che esiste da secoli, prima di diventare moda.

Non mi rassegno a tornare mamma full-time. Né a pensare di cambiare il mondo da sola.

 

E voi? Che ne pensate? Lasciate sotto il vostro commento

La Grande Bellezza è come un uomo che si sente molto figo

21 Mag

La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino è come un uomo che si sente molto figo e sa di esserlo. Un film che squaderna tutto il fascino e lo strazio di Roma godona, più Dago&Pizzi che Fellini, più dolce coca che dolce vita. 

Tony Servillo nel film La Grande Bellezza

Tony Servillo nel film La Grande Bellezza

Jep Gambardella-Servillo è un giornalista pigro, ex scrittore, re della mondanità. A 65 anni fa i conti con la vita e soprattutto con il senso di morte che il chiacchiericcio delle feste kitsch, del rimmel colato su volti, delle piume e paillettes su corpi vissuti non riesce a nascondere. 

Quando Jep va a letto con la milanese Isabella Ferrari non trova soddisfazione. “A 65 anni un uomo chiede qualcosa di più che una donna sia bella”. Lei vuole mostrargli sul Mac gli autoscatti che ha fatto, nuda, per postarli su Facebook. Lui fugge nella notte in piazza Navona. Quando invece  Ramona-Sabrina Ferilli si accomoda nel suo letto, Jep è quasi felice. La spogliarellista semplifica: “È bello volersi bene”. 

Sabrina Ferilli nel film

Sabrina Ferilli nel film

Ma non c’è redenzione per questa città, simbolo dell’Italia tutta, se non nel futuro di un vecchio che torna all’isola che non c’è del passato. E non c’è sindrome di Stendhal che affondi e risollevi i suoi protagonisti cinici e disperati, a meno di recuperare quel poco di amicizia che resta in un piatto di minestrone. 

Nella Roma dove non sai se fa più orrore il Cardinale Magister-Chef, o la Santa Sdentata che succhia radici, la Grande Bellezza non salva un mondo che non cerca salvezza.

Cristina Bianchi
Sotto i pulsanti di Twitter e Fb lasciate un vostro commento sul film 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: